Le politiche urbane previste nel programma della nostra Amministrazione, come analizzato dal P.S.C., si strutturano su diversi livelli di pianificazione e operatività a seconda dei procedimenti decisionali.
Particolare attenzione andrà data perciò alla pianificazione territoriale, alla definizione ed approvazione del PSC, alla bonifica sia dei fondali del porto nuovo che dell’entroterra il cui utilizzo dovrà essere compatibile alla destinazione urbanistica che verrà individuata, alla ristrutturazione del sistema portuale che consenta la piena e libera fruizione delle strutture portuali ed alla predisposizione di un piano spiaggia che razionalizzi l’utilizzo del litorale. Il raggiungimento di tali obiettivi, sino ad oggi negati da scelte di comodo, piuttosto che dai contrasti nascenti in sede di “spartizione”, sarà obiettivo prioritario dell’attività dell’Amministrazione.
Riteniamo fondamentale sottolineare un livello di coerenza e coesione con la Programmazione europea 2021-2027. Saranno sviluppate, al fine del raggiungimento del progetto Crotone Vision 2030, un insieme di politiche connesse con i cinque obiettivi della programmazione delle Politiche di Coesione dell’UE:
  • un’Europa più intelligente mediante l’innovazione, la digitalizzazione, la trasformazione economica e il sostegno alle piccole e medie imprese;
  • un’Europa più verde e priva di emissioni di carbonio grazie all’attuazione dell’accordo di Parigi e agli investimenti nella transazione energetica, nelle rinnovabili e nella lotta contro i cambiamenti climatici;
  • un’Europa più connessa, dotata di reti di trasporto e digitali strategiche;
  • un’Europa più sociale, che raggiunga risultati concreti riguardo al pilastro europeo dei diritti sociali e sostenga l’occupazione di qualità, l’istruzione, le competenze professionali, l’inclusione sociale ed un equo accesso alla sanità; 4
  • un’Europa più vicina ai cittadini mediante il sostegno alle strategie di sviluppo gestite a livello locale e allo sviluppo urbano sostenibile in tutta l’UE.

Punto cardine della nostra Amministrazione dovrà essere il concetto di sviluppo sostenibile. Le strategie che verranno messe in campo saranno determinate da precise condizioni di sostenibilità degli interventi e delle trasformazioni. Quest’ultime saranno elaborate attraverso una lettura sistemica delle risorse (valori) e criticità (vulnerabilità) presenti nel territorio comunale.

La visione urbanistica di Crotone si incentra sui seguenti macro-scenari:

  • Rigenerazione urbana del centro e delle periferie. Avvicinamento del centro alle periferie, definire programmi di radicale riqualificazione urbana, attenzione verso l’edilizia popolare, riappropriarci del nostro centro storico salvandolo dal degrado.
  • Bonifica e recupero dell’ex area industriale. “Connessione urbanistica” tra la città e la costa nord da destinare ad un uso turistico con attrezzature ecocompatibili.
  •  UniKro: L’università di Crotone. Creazione di facoltà satellite facenti parte di università italiane/europee con rilascio di titolo di studi equipollente. Le facoltà saranno selezionate anche in base all’attitudine del territorio (Matematica, Archeologia, Fisica , Astronomia, Filosofia, Architettura, storia, Restauro e Conservazione dei Beni Culturali, Risanamento e Tutela dell’Ambiente, Gestione e Marketing del Turismo).
  • Valorizzazione e gestione sinergica del patrimonio paesaggistico, storico e culturale per incentivare programmi di formazione e nuove possibilità occupazionali.
  • Promozione dei prodotti di qualità della filiera agroalimentare attraverso azioni concertate tra produttori, commercianti e ristoratori.
  • Turismo traversale. Sviluppo turistico balneare, culturale, archeologico, religioso, sportivo, enogastronomico e legato ad eventi di spettacolo;
  • Sviluppo e rafforzamento di Infrastrutture etiche (diffusione capillare della legalità nelle amministrazioni pubbliche), sociali (sanità, strade, porto, aeroporto e ferrovia), costituendo dei tavoli operativi che coinvolgano tutti i livelli di governo in quanto competenti.
  • Tutela della salute dei cittadini con la costituzione di una rete integrata di servizi alle persone. Rendere operativi strumenti già esistenti quali il Registro tumori, Catasto amianto ed implementare le dotazioni sportive, per il tempo libero e culturali per promuovere condizioni di benessere e di inclusione sociale.
  • Obiettivo Smart City. Trasformare Crotone in una città intelligente 4.0 che gestisca le risorse in modo intelligente, che miri a diventare economicamente sostenibile ed energeticamente autosufficiente e che sia attenta alla qualità della vita e ai bisogni dei propri cittadini.

Declinando tali scenari e combinandoli con la pianificazione strategica e operativa cui sopra, sono stati elaborati i temi per la rigenerazione urbana della città di Crotone:

Consumo di suolo zero e decoro urbano Ambiente ed educazione ambientale Verde pubblico
Attività produttive
Agricoltura e pesca
Sicurezza e legalità
Sanità e prevenzione
Una Voce per il sociale
Cultura, spettacolo e politiche giovanili Turismo
Infrastrutture prioritarie e progetto Crotone Smart Democrazia inclusiva ed efficienza amministrativa Sport

Politiche per l’infanzia
Progetto educativo per il randagismo e tutela degli animali

Ogni tema comprende pianificazioni e operazioni che prefigurano lo scenario strategico necessario al raggiungimento degli obiettivi prefissati, ossia, uno sviluppo urbano sostenibile ed integrato dell’intero territorio comunale di Crotone.